Seleziona Pagina

Da Haiti a Machu Picchu

Machu Picchu, uno dei luoghi più belli della terra che abbiamo visitato nell’oramai lontano 2002.

In questi giorni è isolato e sconvolto da piogge torrenziali che hanno bloccato 1500 turisti evacuati con elicotteri. Le notizie sui giornali non riportano nulla sulle difficoltà e i disagi della popolazione locale della zona. Non nominano neppure il villaggio di Aguas Calientes che è la base dell’ascesa al Machu Picchu.

Saranno probabilmente solo coincidenze ma gli sconvolgimenti ambientali provocati dal clima paiono sempre più frequenti.

E sempre più frequentemente la terra si assesta e si muove squarciando e scuotendo la sua superficie (come nell’ apocalisse di Haiti, che sta sparendo dalle prime pagine dei giornali molto più velocemente rispetto al dramma Tsunami di qualche anno fa in Indonesia).

Informazione cannibale. Mondo cannibale.

A proposito dell'autore

Lascia un commento

l tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi è Aguaplano?

Ciao! Siamo Valeria e Sigfrido, abbiamo viaggiato insieme per quasi 20 anni visitando più di 65 Paesi.

Il nostro blog è in circolazione da più di dieci anni. Vogliamo aiutare le persone a scoprire nuove destinazioni e fornire informazioni, suggerimenti e consigli sui viaggi indipendenti. Parliamo italiano, inglese, spagnolo e francese. Seguici!

Ads