Seleziona Pagina

Bolivia: Conferenza sul cambiamento climatico dal 19 aprile 2010

logo-oficial-cmpp

Per quattro giorni, dal 19 al 22 aprile 2010, a Cochabamba, in Bolivia, intellettuali, personalità politiche e dello spettacolo prenderanno parte, insieme ad associazioni e a rappresentanti delle popolazioni locali alla Conferenza mondiale dei popoli sul cambiamento climatico e i diritti di Madre Terra.

Lo scopo della Conferenza è quello di confrontarsi e discutere per proporre e sostenere soluzioni alternative all’emergenza climatica. Si vuole in tal modo dare forza e sostenere la voce dei popoli più poveri del pianeta che spesso sono ridotti semplicemente al ruolo di vittime delle conseguenze catastrofiche dei mutamenti climatici.

Tra i vari ospiti e relatori la sociologa Naomi Klein, il linguista Noam Chomsky, gli attori Danny Glover, Susan Sarandon, l’attore e regista Robert Redford, il regista James Cameron, lo scienziato James Hansen.

La conferenza vuole cercare di rispondere in modo concreto e costruttivo alla poca incisività dell’incontro ONU sugli stessi temi di Copenaghen del dicembre scorso. Evo Morales e il governo boliviano intende promuovere la proposta di una Carta dei Diritti e di un Tribunale Internazionale che possano essere il riferimento per tutti sulle questioni climatiche.

Accanto alle sedute principali del vertice sono previsti numerosi incontri collaterali e 17 forum di discussione e l’intero evento sarà seguito e documentato dalle reti radiofoniche e dal canale Tv statale boliviano oltre che dal web.

Per maggiori info     www.cmpcc.org

A proposito dell'autore

Lascia un commento

l tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi è Aguaplano?

Ciao! Siamo Valeria e Sigfrido, abbiamo viaggiato insieme per quasi 20 anni visitando più di 65 Paesi.

Il nostro blog è in circolazione da più di dieci anni. Vogliamo aiutare le persone a scoprire nuove destinazioni e fornire informazioni, suggerimenti e consigli sui viaggi indipendenti. Parliamo italiano, inglese, spagnolo e francese. Seguici!